NEWS-CISAL SCUOLA PUGLIA

NEWS

 

            NOTIZIARIO SINDACALE IN BREVE

A cura della rete di Quadri Sindacali


 Senza_titolo 
 

NOTIZIARIO SINDACALE
_______________________________________________ 
Postato in data 09.05.2023
 MAD PER SOSTITUZIONE COMMISSARI ESAMI DI STATO

              AL DIRIGENTE DELL’ UFFICIO SCOLASTICO TERRITORIALE DI BARI

Re David n. 178/F, Bari

usp.ba@istruzione.it 

  •                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                            uspba@postacert.istruzione.it


OGGETTO: Domanda di messa a disposizione per la nomina in sostituzione del Commissario    Esterno
                       agli esami di Stato scuola secondaria II grado per l’a. s.  2022/2023.

Il/la sottoscritto/a                                                                                                                                                                                      

Nato/a il      a                                              prov.               , residente a                                                                                     

Via                                                                                                  domiciliato/a a                                                                                     

Recapiti telefonici: fisso                                                                cell.                                                                                                  

Indirizzo e-mail                                                                                                                                                                                            

COMUNICA

di essere disponibile per la eventuale nomina in sostituzione di commissario esterno nelle commissioni     degli Esami di Stato conclusivi dei corsi di studio di istruzione secondaria di II grado.

A tal fine dichiara ai sensi del DPR 445/2000, art.46, di essere in possesso dei seguenti titoli:
  • laurea vecchio ordinamento (ex lege 341/90)
  • laurea specialistica/ magistrale conseguita ai sensi dei DD.MM 509/99 e 270/04

conseguita il                                          con voto                          Università di                                                                                     

Classi di concorso: _________________________________________________________________________________
  • di non essere in possesso di abilitazione (allegare fotocopia del certificato di laurea con l’indicazione degli esami sostenuti)
  • di essere in possesso dell'abilitazione per le seguenti classi di concorso                                                                                 
  •  Di essere inserito/a nelle GPS (Graduatorie Provinciali per le Supplenze) di ______________________________________
  • I Fascia
  • II Fascia
Relativamente agli ultimi due anni scolastici, di aver prestato servizio in funzione di commissario negli esami di Stato:

a.s. 20         /        sede esami                                                                                             classe di concorso                                      

a.s. 20         /        sede esami                                                                                             classe di concorso                                      

Relativamente agli ultimi tre anni scolastici, compreso l’anno in corso, di aver prestato servizio nelle sottoelencate istituzioni scolastiche:

a.s. 20           /              Classe di concorso                          presso                                                                                                       

a.s. 20           /              Classe di concorso                          presso                                                                                                       

a.s. 20           /              Classe di concorso                          presso                                                                                                       

Data                                                                                                                      firma                                                                              

Il/la sottoscritto/a ………………………………………………….., dichiara di prestare il proprio consenso al trattamento dei dati personali ai sensi del Regolamento 2016/679/UE del Parlamento europeo e del Consiglio del 27 aprile 2016 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati, e che abroga la direttiva 95/46/CE (regolamento generale sulla protezione dei dati) e del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196.

Data                                                                                                                      firma                                                                              

ALLEGARE COPIA DOCUMENTO DI RICONOSCIMENTO



___________________________________________
OTTIMIZZAZIONE DELLE COE , IL MODELLO
Di seguito il modello da utilizzare per la richiesta di ottimizzazione delle Cattedre Orario Esterne (COE), previsto dal CCNI e CIR -Contratto integrativo Regionale sulleRelazioni Sindacali.


RICHIESTA MIGLIORAMENTO DEL COMPLETAMENTO DELLA CATTEDRA ORARIA ESTERNA  INERENTE L’A.S. 2023/2024


Al Dirigente dell’Ambito Territoriale Provinciale
di Bari-USR Puglia
usp.ba@istruzione.it
c.a. Funzionario responsabile organici e movimenti
docenti 2° grado scuola secondaria superiore
angelina.dipinto.ba@istruzione.it
diletta.milo@istruzione.it
 • giuseppe.dimichino@posta.istruzione.it


Il/La sottoscritt___ _____________________________________________________________ nat___________
A____________________________________________, il________________________________, residente in _____________________________________________, via_________________________________ nr.________
c.a.p.____________________, tel.________________________________________________________________
Docente con contratto di lavoro a tempo indeterminato per l’insegnamento ___________________________________________________________________________________________
Titolare presso la Scuola/Istituto _________________________________________________________________
Di_____________________________________________ con completamento presso_____________________________________________________________________________________

CHIEDE

Ai sensi del CCNI per la mobilità sottoscritto il 8 luglio 2020 per il triennio 2019/20-2021-22, il miglioramento della cattedra oraria esterna attribuita, per l ‘insegnamento di ___________________________________________________ (classe di concorso_______________________________________ ) per l’a.s. 2023/2024  alla Scuola/Istituto predetto.
A tal fine si indicano in ordine di preferenza le seguenti sedi della scuola di completamento:

1 CODICE DENOMINAZIONE UFFICIALE DESCRIZIONE IN CHIARO
2
3
4
5
6
7
8
9
10


Data______________ lì______________


                                                                                                                                                 FIRMA
                                                                                                                          ______________________________




__________________________ 
Postato il 6/4/2023

Anticipiamo l’Informativa del M.I.M. (Ministero dell’Istruzione e del Merito) sulla Bozza del D.M.ancora da pubblicare  alla data odierna.

. Serve abilitazione o specializzazione su sostegno, non i 24 CFU

Descrizione: Proroga gps 2021: la decisione del Miur – Scuola & Concorsi

Elenchi aggiuntivi GPS per abilitati e specializzati che conseguono il titolo entro il 30 giugno 2023: le domande ad aprile, lo scioglimento della riserva entro il 4 luglio



Il Ministero anticipa i tempi per avere graduatorie pronte già a luglio: le domande si faranno dal 12 al 27 aprile. Lo scioglimento della riserva per il titolo effettivamente conseguito entro il 4 luglio.


Il Ministero dell’Istruzione e Merito ha dato l’informativa sulla bozza di Decreto Ministeriale relativo alla costituzione degli elenchi aggiuntivi alla prima fascia delle GPS e alla seconda fascia delle graduatorie di istituto.
Soggetti coinvolti
Docenti che conseguono la specializzazione nel sostegno, l’abilitazione o la specializzazione per i metodi Montessori, Pizzigoni, Agazzi entro il 30 giugno 2023.
Utilizzo degli elenchi aggiuntivi
Agli elenchi si attinge, prioritariamente, rispetto alle GPS di seconda fascia e alle GI di terza fascia.
Elenchi aggiuntivi e scelta della provincia/scuole
Docenti che si abilitano entro il 30 giugno
  • Aspirante già inserito nelle GPS di seconda fascia delle medesime classi di concorso o posti per la scuola dell’infanzia o primaria per le quali dichiara il possesso del titolo di abilitazione: è collocato nell’elenco aggiuntivo della relativa GPS di prima fascia e negli elenchi aggiuntivi delle GI delle scuole richieste nel 2022.
  • Aspirante non inserito nelle specifiche GPS di seconda fascia per le classi di concorso o posti per la scuola dell’infanzia o primaria per le quali dichiara il possesso del titolo di abilitazione ma collocato in altra GPS: è inserito nell’elenco aggiuntivo della relativa GPS di prima fascia e sceglie sino a 20 istituzioni scolastiche per la collocazione negli elenchi aggiuntivi delle relative GI di seconda fascia, nella stessa provincia per la quale ha presentato domanda di iscrizione in GPS nel 2022.
  • Aspirante non inserito in alcuna GPS: procede alla scelta della provincia di inserimento e sino a un massimo di 20 istituzioni scolastiche, nella medesima provincia, per ogni insegnamento per il quale dichiara il possesso del titolo di abilitazione.
Docenti che si specializzano entro il 30 giugno
  • Aspirante già inserito nelle GPS di seconda fascia di sostegno per il relativo grado: è collocato nell’elenco aggiuntivo della relativa GPS di prima fascia e negli elenchi aggiuntivi delle GI di seconda fascia delle scuole richieste nel 2022.
  • Aspirante non inserito nelle GPS di seconda fascia di sostegno per il relativo grado, ma inserito in altra GPS: è collocato nell’elenco aggiuntivo della relativa GPS di prima fascia e sceglie sino a 20 istituzioni scolastiche per la collocazione negli elenchi aggiuntivi delle GI di seconda fascia, nella stessa provincia per la quale ha presentato domanda ai sensi dell’articolo 7 dell’OM 112/2022.
  • Aspirante non inserito in alcuna GPS: procede alla scelta della provincia di inserimento e sino a un massimo di 20 istituzioni scolastiche, nella medesima provincia, per il sostegno per i gradi per i quali è in possesso del titolo di specializzazione.
Quali titoli culturali o servizi potranno essere dichiarati
Quelli conseguiti entro il 31 maggio 2022 (termine per l’aggiornamento delle GPS 2022).
Si possono dichiarare titoli non dichiarati all’atto della domanda di inserimento nelle GPS, ma sempre conseguiti entro il 31 maggio 2022. Detti titoli saranno validi esclusivamente per le graduatorie degli elenchi aggiuntivi.
I titoli già dichiarati all’atto dell’inserimento in GPS potranno essere importati nella TAB corrispondente agli elenchi aggiuntivi in cui ci si iscrive.

Quando presentare la domanda
Le funzioni telematiche per l’apertura delle istanze saranno disponibili nel periodo compreso tra il 12 aprile 2023 (h. 9:00) ed il 27 aprile 2023 (h. 14:00. Coloro che conseguiranno il titolo di abilitazione e/o specializzazione successivamente alla data del 27 aprile 2023 ed entro il 30 giugno 2023 si iscriveranno con riserva e comunicheranno entro il giorno 4 luglio 2023 il conseguimento del titolo agli uffici scolastici territoriali competenti. La riserva è sciolta negativamente qualora il titolo non venga conseguito entro il 30 giugno 2023 o non venga data comunicazione dell’avvenuto conseguimento entro il 4 luglio 2023.
Non è consentito chiedere il depennamento dalle GPS di una provincia per presentare istanza di inserimento nell’elenco aggiuntivo di una diversa provincia.
Confermato da parte del M.I.M.:
  • chi si iscrive con riserva in 1 fascia per conseguimento titolo estero non sarà depennato dalla 2 fascia.
  • gli  abilitati che hanno un titolo conseguito in passato e non si sono iscritti lo scorso anno in GPS 1 fascia potranno farlo.

Cfr. https://m.flcgil.it/scuola/precari/elenchi-aggiuntivi-gps-per-abilitati-e-specializzati-che-conseguono-il-titolo-entro-il-30-giugno-2023-le-domande-ad-aprile-lo-scioglimento-della-riserva-entro-il-4-luglio.flc
Vedi anche https://www.miuristruzione.com/2023/03/02/apertura-finestra-gps-2023-dal-12-al-27-aprile-serve-abilitazione-o-specializzazione-su-sostegno-non-i-24-cfu/

______________________________________________



_______________________________
Postato il 13/03/2022

RECUPERO STIPENDIO ANNO 2013
COSA FARE?
È necessario iniziare l'iter legale, inviando una PEC o raccomandata con ricevuta di ritorno al DS ed al MIM. Al fine di agevolare l'operazione, allego un modello già predisposto da compilare. Ricordo che, una volta compilato e firmato, dovrà essere inviato unicamente in formato PDF o cartaceo. Inviare una scansione del documento fatta con il cellulare potrebbe comportare il rifiuto di accoglimento dell'istanza.

AL MINISTERO DELL’ISTRUZIONE E DEL MERITO
Viale Trastevere 76/a
                                                                       00153 Roma

dpit@postacert.istruzione.it

AL DIRIGENTE SCOLASTICO
____________________

Comunicazione via pec – raccomandata a/r



Oggetto: invito e diffida ad adempiere -  Domanda di riconoscimento anno 2013, ai fini della ricostruzione di carriera e adeguamento stipendiale – interruzione termini di prescrizione
Il sottoscritto/a _____________________________________________nato/a a ______________________
c.f. ___________________________, residente a ______________________________ prov.____________ in via _________________________________ n ______, attualmente in servizio presso l’istituto scolastico _________________________in qualità di __________________________, con la presente intende contestare il mancato riconoscimento dell’anno scolastico 2013 ai fini giuridici ed economici e, pertanto, con il presente atto diffida la S.V. ad assumere tutti i provvedimenti necessari per garantire tale riconoscimento con conseguente adeguamento della posizione retributiva e il pagamento delle differenze retributive maturate e maturande.
Il mancato riconoscimento di quanto richiesto è  lesivo dell’ art. 3 Cost., in tema di tutela del principio di uguaglianza; dell’art. 36 Cost., in tema di tutela del diritto ad una retribuzione proporzionata alla qualità e quantità del lavoro svolto e dell’art.- 39 Cost. in tema del diritto di stipulare contratti collettivi da parte dell'art. 9, commi 1° e 23° del d.l. n. 78/2010, convertito con modificazioni in legge n. 122/2010 e dall’art. 1, comma 1 lett. b) del d.p.r. n.122/2013 nonché dall'art. 16, comma 1°, lett.b) e c) del d.l. n. 98/2011, convertito nella legge n. 111/2011, laddove hanno previsto il congelamento dell’anno 2013 delle maturazioni stipendiali e dei relativi miglioramenti economici in violazione dei principi statuiti dalla Corte Costituzionale nella sentenza nr.178/2015 e delle norme e dei Trattati dell’Unione Europea.
La presente deve valere anche quale atto interruttivo dei termini di prescrizione.
Luogo __________ data ____________
                                                                                                          Firma ________________


______________________________________________

il 05/12/2022




Sostegno, cambia la procedura di reclutamento
Docenti di Sostegno: prof o "tappabuchi"? - Oggi Scuola

E’ quanto prevede il DM 259 del 30 settembre 2022 (*),  . disposto dal Il Ministero dell’Istruzione e del Merito .

Salta la prima fascia GPS Sostegno

In base alla nuova normativa, a partire dal prossimo anno scolastico non ci saranno più assunzioni nel sostegno dalle GPS di prima fascia. Le nomine avverranno sulla base di nuove graduatorie regionali per il sostegno, con validità biennale, formulate sulla base di un concorso nazionale. Per la conferma in ruolo gli insegnanti dovranno superare il percorso di formazione e prova per i docenti previsto anche per le immissioni in ruolo su posto comune, e il relativo test finale.
La nuova procedura recepisce le novità introdotte dalla Legge di Bilancio 2021, su emendamento dell’Onorevole Vittoria Cassa (M5S). Vediamo nel dettaglio le principali regole introdotte dal nuovo decreto sul reclutamento degli insegnanti di sostegno e i requisiti per partecipare al nuovo concorso per insegnanti di sostegno.
Una graduatoria su base regionale, contratto a tempo determinato al 31 agosto, percorso di formazione e prova disciplinare al termine del percorso con commissione esterna.
La nostra soddisfazione per la procedura semplificata che porterà in breve tempo alla stabilizzazione dei posti di lavoro dei docenti di soastegno.

La procedura
È il frutto di una misura introdotta nella Legge di Bilancio 2021 (Legge 178/2020 art. 1 c. 980), su emendamento di Vittoria Casa (M5S).
Il concorso
Sarà nazionale ma articolato su base regionale. Potrà essere utilizzato per assegnare i posti di sostegno dei diversi ordini e gradi di scuola che residuano in caso di esaurimento di tutte le altre graduatorie utilizzabili ai fini delle assunzioni a tempo indeterminato (tra cui GAE e graduatorie dei concorsi). Per la scuola secondaria questa procedura potrà restare in piedi fino al 31 dicembre 2025.
Chi potrà partecipare
I docenti in possesso della specializzazione sul relativo grado.
Chi ha conseguito il titolo estero potrà partecipare a pieno titolo se ha ottenuto il riconoscimento. Per chi è in attesa di riconoscimento è prevista la possibilità di partecipare con riserva, per cui l’individuazione potrà avvenire dopo il riconoscimento.
Come partecipare e quando
Sarà emanato il bando con l’indicazione dei tempi per presentare l’istanza. Già ora sappiamo che si potrà fare domanda per una sola regione e per tutti i posti per cui si ha il titolo. La graduatoria verrà aggiornata ogni due anni.
Graduatoria per titoli
I partecipanti saranno inseriti in una graduatoria regionale per titoli. Per la valutazione dei titoli si fa riferimento alla tabella A/7 allegata all’ordinanza ministeriale 112 del 2022. Inoltre sono acquisiti i titoli eventualmente presentati in occasione della costituzione delle graduatorie provinciali per le supplenze e validati.
Assegnazione incarico a tempo determinato
I docenti collocati in posizione utile saranno individuati e, con procedura informatizzata, assegnati ad una scuola dove otterranno un contratto di supplenza annuale (31 agosto). È previsto che i docenti svolgano il percorso di formazione e prova con test finale previsto dal decreto ministeriale 226/2022. Chi supera positivamente il percorso sarà ammesso alla prova disciplinare di idoneità con una commissione esterna (sul modello della prova prevista per i docenti da GPS 1 fascia).
Assunzione a tempo indeterminato
I docenti che supereranno l’anno di formazione e prova e la prova disciplinare saranno assunti a tempo indeterminato a decorrere dal 1° settembre dell’anno scolastico successivo a quello dell’incarico e confermati in ruolo nella medesima scuola in cui hanno prestato servizio a tempo determinato.
Chi non supera il percorso di formazione e periodo annuale di prova può ripeterlo una volta (articolo 1, comma 119, della legge 13 luglio 2015, n. 107), secondo le modalità previste dall’articolo 14, comma 3 e seguenti, del DM 226 del 2022.

Chi rinvia il percorso di formazione e periodo annuale di prova per giustificati motivi mantiene il contratto a tempo determinato nell’istituzione scolastica in cui ha svolto l’incarico e reitera il percorso.
Chi non supera la prova disciplinare decade dalla procedura e non viene assunto a tempo indeterminato. In questo caso si viene esclusi dalla graduatoria non vi si può accedere più neanche in diversa regione. Il servizio prestato viene valutato quale incarico a tempo determinato.
La prova disciplinare
Consiste in un colloquio di idoneità che verifica, in relazione ai programmi vigenti dei concorsi ordinari relativi ai posti di sostegno, il possesso e corretto esercizio, in relazione all’esperienza maturata dal docente e validata dal positivo superamento del percorso di formazione e periodo annuale di prova, delle conoscenze e competenze finalizzate a una progettazione educativa individualizzata. Verifica la capacità di elaborare una progettazione educativa che rispetti ritmi e stili di apprendimento ed esigenze di ciascun alunno. Verifica la capacità di elaborare, in stretta collaborazione con gli altri membri del consiglio di classe, interventi equilibrati fra apprendimento e socializzazione e la piena valorizzazione delle capacità e delle potenzialità possedute dal soggetto in formazione. La prova valuta, altresì, la capacità di comprensione e conversazione in lingua inglese almeno al livello B2 del quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue.
Sedi e orario di svolgimento della prova
Saranno comunicati dagli Uffici Scolastici Regionali almeno dieci giorni prima della data di svolgimento, tramite avviso pubblicato nei rispettivi albi e siti internet.

TEMPISTICHE

Sarà emanato un apposito decreto dal ministero che definirà il bando e i tempi per presentare l’istanza. 


(*) Vedi  (copia e incolla nel browser):  https://www.ticonsiglio.com/wp-content/uploads/2023/11/decreto-miur-259-del-30-settembre-2022.pdf

_____________________________
Postato il 20/11/2022
(dalla sede Cisal Scuola di TA)



Avvicinarsi alla maturità con la scuola serale | PG Magazine

Conseguire un diploma di maturita' da privatista, come e perchè.

Cari colleghi,

come ogni anno, è giunto il momento in cui consiglio di acquisire un altro diploma di maturità, sostenendo gli esami in qualità di candidato privatista presso un istituto statale di propria scelta.

I diplomi di maturità tecnica e professionali consentono l'accesso ad ulteriori classi di concorso, aumentando le possibilità di impiego nella scuola.

Per accedere agli esami di Stato, è sufficiente presentare un'istanza all'USR entro il 30 novembre.

Preciso che per conseguire il diploma non è necessario frequentare alcuna lezione, si accede direttamente agli esami di Stato.

Le materie da portare agli esami, saranno soltanto quelle di indirizzo del corso scelto, dunque non si dovranno sostenere prove per quelle materie già presenti nel proprio titolo di studio a suo tempo conseguito (es.: Italiano, matematica, fisica, ecc.)

Non ci sono spese da sostenere, fatta salva la tassa di € 12,06 prevista dal MIUR.

A seguito di lunga e accurata indagine, comunico che le classi di concorso che consentono maggiori possibilità di ricevere incarichi di docenza in provincia di Taranto, per l'anno in corso sono le seguenti:

B-01 - Attività pratiche speciali

Titoli di accesso: Diploma di geometra; perito aeronautico, perito
agrario, perito industriale, perito nautico (1) Maturità tecnica femminile (1)
Maturità professionale del settore industriale o del settore agrario con esclusione di qualsiasi diploma equipollente (1) Diploma di maturità professionale del settore femminile con esclusione di qualsiasi equipollenza(1)
(1) purché congiunti a Specializzazione conseguita a norma dell'art. 67 del T.U. 207/1994 o dell'art. 8 del decreto del Presidente della Repubblica 970/1975
Diploma di Agrotecnico, Aspirante al comando di navi mercantili, Aspirante alla professione di costruttore navale, Aspirante direzione di macchine di navi mercantili, Attività sociali, Perito industriale capotecnico – specializzazione industria navalmeccanica (1) Qualsiasi Diploma di istruzione tecnica - settore tecnologico (1) Qualsiasi Diploma di istruzione professionale -
settore Industria e Artigianato (1)

B-05 - Laboratorio di logistica

Titoli di accesso: Diploma di istruzione tecnica - settore Tecnologico
indirizzo Trasporti e Logistica articolazione Logistica. Qualsiasi Diploma di istruzione secondaria di secondo grado purché congiunto a Diploma di Istituto Tecnico Superiore Area Mobilità sostenibile Ambito Gestione infomobilità e infrastrutture logistiche. Figura professionale Tecnico superiore per l’infomobilità e le infrastrutture logistiche.

B-06 - Laboratorio di odontotecnica

Titoli di accesso: Diploma di maturità professionale di odontotecnico (1)

(1) congiunto a diploma di qualifica (rilasciata da istituto professionale) di: odontotecnico; operatore meccanico del settore odontotecnico Diploma di istruzione professionale - settore Servizi indirizzo Servizi socio-sanitari
articolazione Arti ausiliarie delle professioni sanitarie, Odontotecnico.

B-07 - Laboratorio di ottica

Titoli di accesso: Diploma di maturità professionale per ottico (1)
Diploma di perito industriale per l’industria ottica congiunto a diploma di qualifica (rilasciato da istituto professionale) di ottico (2) conseguito entro l’a.s. 1993/1994 e congiunto a diploma di qualifica (rilasciato da istituto
professionale) di ottico Diploma di istruzione professionale - settore Servizi
indirizzo Servizi socio-sanitari articolazione Arti ausiliarie delle professioni
sanitarie, Ottico.

B-08 - Laboratori di produzioni industriali ed artigianali della ceramica

Diploma di tecnico delle lavorazioni ceramiche. Diploma di chimico delle industrie ceramiche. Diploma di maturità professionale di tecnico dei
processi ceramici Diploma di istruzione professionale - settore Industria
e Artigianato. indirizzo Produzioni industriali e artigianali articolazione Artigianato purché congiunto a certificazione delle competenze per la ceramica acquisite nel secondo biennio e ultimo anno del percorso formativo indirizzo Produzioni industriali e artigianali articolazione Artigianato opzione Produzioni artigianali del territorio purché congiunto a certificazione delle competenze
per la ceramica acquisite nel secondo biennio e ultimo anno del percorso formativo.

B-09 - Laboratori di scienze e tecnologie aeronautiche

Titoli di accesso: Diploma di perito aeronautico aspirante al comando di aeromobili o aspirante all'assistenza e al controllo della navigazione aerea
Ufficiale o sottufficiale pilota dell'Aeronautica o Marina Militare o ufficiale o sottufficiale dell'Aeronautica militare controllore della navigazione aerea già, o in atto, in servizio permanente effettivo Diploma di Perito aeronautico specializzazione assistenza navigazione aerea Diploma di istruzione tecnica - settore Tecnologico indirizzo Trasporti e Logistica articolazione Conduzione del mezzo purché congiunto a certificazione delle competenze sul mezzo aereo acquisite nel secondo biennio e ultimo anno del percorso formativo indirizzo Trasporti e Logistica articolazione Conduzione del mezzo opzione Conduzione del mezzo aereo Qualsiasi Diploma di istruzione secondaria di secondo grado
purché congiunto a Diploma di Istituto Tecnico Superiore Area Mobilità sostenibile Ambito Mobilità delle persone e delle merci.

B10- Laboratori di scienze e tecnologie delle costruzioni aeronautiche 

Qualsiasi Diploma di Istruzione secondaria di secondo grado (Purché congiunto a Diploma di Istituto Tecnico Superiore Area Mobilità sostenibile Ambito Produzione e manutenzione di mezzi di trasporto e/o relative infrastrutture Figura professionale Tecnico superiore per la produzione e manutenzione di mezzi di trasporto e/o relative infrastrutture settore aeronautico).

Diploma di Istruzione tecnica - settore Tecnologico - indirizzo Trasporti e Logistica - articolazione Costruzione del mezzo - opzione Costruzioni aeronautiche. Qualsiasi Diploma di Istruzione secondaria di secondo grado (Purché congiunto a Diploma di Istituto Tecnico Superiore Area Mobilità sostenibile Ambito Produzione e manutenzione di mezzi di trasporto e/o relative infrastrutture Figura professionale Tecnico superiore per la produzione e manutenzione di mezzi di trasporto e/o relative infrastrutture settore aeronautico). Diploma di Istruzione tecnica - settore Tecnologico - indirizzo Trasporti e Logistica - articolazione Costruzione del mezzo. Diploma di Istruzione tecnica - settore Tecnologico - indirizzo Trasporti e Logistica - articolazione Costruzione del mezzo - opzione Costruzioni aeronautiche. Diploma di Perito industriale per le costruzioni aeronautiche

B013 - Laboratori di scienze e tecnologie della calzatura e della moda

Diploma di istruzione tecnica - settore Tecnologico indirizzo Sistema moda
articolazione Calzature e moda Qualsiasi Diploma di istruzione secondaria di secondo grado purché congiunto a Diploma di Istituto Tecnico Superiore
Area Nuove tecnologie per il Made in Italy Ambito Sistema moda Figure professionali - Tecnico superiore per il coordinamento dei processi di progettazione, comunicazione e marketing del prodotto moda
- Tecnico superiore di processo, prodotto, comunicazione e marketing per il settore calzature e moda

Ricordo che le notizie qui riportate sono da considerarsi assolutamente riservate e non divulgabili. La compilazione della presente informativa ha richiesto mesi di osservazione delle varie classi di concorso e dei relativi posti disponibili.

_____________________________________
Postato il 16 ottobre 2022

Riforma reclutamento e formazione docenti. Tutte le novità

https://anief.org/formazione/news-formazione/40756-riforma-reclutamento-e-formazione-docenti-tutte-le-novit%C3%A0
 

Riforma reclutamento docenti: tutte le novità
Le Commissioni riunite 1a e 7a (Commissioni Affari costituzionali e Istruzione pubblica, beni culturali) hanno approvato un maxiemendamento che contiene diverse misure relative alla scuola.

Il testo passa adesso all’esame dell’aula del Senato. Ricordiamo che il provvedimento deve essere convertito in legge entro il 29 giugno pena la sua decadenza. Pertanto, dopo l’approvazione del senato, il testo passerà alla camera molto velocemente senza che sia possibile apportare ulteriori modifiche.

Gli emendamenti approvati confermano l’impalcatura iniziale sebbene con alcune significative modifiche frutto dell’accordo fra i vari partiti di maggioranza.

In sintesi alcune novità eclatanti:

TFA SOSTEGNO: chi ha svolto 3 anni di servizio specifico (negli ultimi 5 anni) e sia in possesso anche di abilitazione all'insegnamento potrà accedervi direttamente (fino 31 dicembre 2024).

I 24 cfu saranno considerati validi ai fini dell'acquisizione dei 60 CFU

Fino al 31 dicembre 2024 chi è in possesso dei 24 CFU (conseguiti entro ottobre 2022) potrà accedere ai concorsi senza "abilitazione".

Si può partecipare ai concorsi anche avendo 3 annualità di servizio di cui almeno 1 specifica (viene specificato il requisito dell'annualità di servizio specifico).

Fino al 2025, solo per i posti di sostegno, in caso di esaurimento delle graduatorie dei concorsi ordinari, si attingerà alle GPS I fascia. e graduatorie di merito dei concorsi ordinari (secondaria, infanzia/primaria, STEM) sono integrate con i candidati idonei. In realtà la novità riguarda solo il concorso per la scuola secondaria.

Di seguito ci soffermiamo sulle principali modifiche rispetto al testo iniziale.

PROVE CONCORSUALI
La selezione dei docenti di ruolo avverrà sulla base di un concorso pubblico nazionale per la copertura dei posti vacanti e disponibili dell’organico dell’autonomia.

Le prove concorsuali consisteranno in una prova scritta con più quesiti a risposta aperta, volta all’accertamento delle conoscenze e competenze del candidato sulla disciplina della classe di concorso o tipologia di posto per la quale partecipa, nonché sulle metodologie e le tecniche della didattica generale e disciplinare, sull’in­formatica e sulla lingua inglese.

Entro trenta giorni dalla indizione di ciascuna procedura concorsuale bandita ai sensi del presente comma, fino al 31 dicem­bre 2024, con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro dell’istruzione, l’accesso alla prova scritta può essere riservato a coloro che superino una prova preselettiva.

La prova orale accerterà, oltre alle conoscenze disciplinari, le compe­tenze didattiche e l’abilità nell’insegnamento anche attraverso un test specifi­co.

ABILITAZIONE ALL’INSEGNAMENTO
Per accedere al concorso è necessario aver conseguito l’abilitazione all’insegnamento che si consegue mediante un percorso universitario e accademico di almeno 60 CFU/CFA e il superamento della prova finale prevista al termine del percorso. I percorsi di formazione iniziale si concludono con prova finale comprendente una prova scritta e una lezione simulata.

La prova scritta è costituita da una analisi critica relativa al tirocinio scolastico effet­tuato durante il percorso di formazione iniziale.

I percorsi in questione saranno a numero chiuso. Infatti, il Ministero dell’istruzione stima e comunica al Ministero dell’uni­versità e della ricerca il fabbisogno di docenti per il sistema nazionale di istru­zione, ivi compresi le scuole paritarie e i percorsi di istruzione e formazione professionale delle regioni, nonché le scuole italiane all’estero, nel triennio successivo, per tipologia di posto e per classe di concorso, affinché il sistema di formazione iniziale dei docenti generi, in maniera tendenzialmente omoge­nea tra le varie regioni, un numero di abilitati sufficiente a garantire la selet­tività delle procedure concorsuali senza che, in generale o su specifiche clas­si di concorso, si determini una consistenza numerica di abilitati tale che il sistema nazionale di istruzione non sia in grado di assorbirla.

FASE TRANSITORIA
Sino al 31 dicembre 2024, fermo restando il possesso del titolo di studio necessario con riferimento alla classe di concorso, sono comunque ammessi a partecipare al concorso per i posti comuni di docente di scuola secondaria di primo e secondo grado e per i posti di insegnante tecnico-prati­co coloro che abbiano conseguito almeno 30 CFU/CFA, a condizione che parte dei CFU/CFA siano di tirocinio diretto. I vincitori di concorso dovranno poi conseguire gli ulteriori CFU successivamente.

I vincitori del concorso su posto comune, che vi abbiano partecipato con i 30 CFU, sottoscrivono un con­tratto annuale di supplenza con l’ufficio scolastico regionale a cui afferisce l’istituzione scolastica scelta e completano il percorso universitario e accade­mico di formazione con oneri, a carico dei partecipanti.

Con il superamento della prova finale del percorso universitario e acca­demico di formazione iniziale, i vincitori conseguono l’abilitazione all’inse­gnamento e sono conseguentemente assunti a tempo indeterminato e sottoposti al periodo annuale di prova in servizio, il cui posi­tivo superamento determina la definitiva immissione in ruolo.

PARTECIPAZIONE CON I 24 CFU (CONSEGUITI FINO AL 31 OTTOBRE 2022)
Sino al 31 dicembre 2024, sono altresì ammessi a partecipare coloro i quali, entro il 31 ottobre 2022, abbiano conseguito i 24 CFU/CFA previsti quale requisito di accesso al concorso secondo il previgente ordinamento.

DOCENTI CON 3 ANNI DI SERVIZIO
Per la copertura dei posti comuni e di insegnante tecnico pratico, la partecipazione al concorso è in ogni caso consentita a coloro che, fermo restando il posses­so del titolo di studio necessario con riferimento alla classe di concorso, han­no svolto, entro il termine di presentazione delle istanze di partecipazione al concorso stesso, un servizio presso le istituzioni scolastiche statali, di almeno tre anni scolastici, anche non continuativi, di cui almeno uno nella specifica classe di concorso o nella tipologia di posto per la quale si concorre, nei cin­que anni precedenti, valutati ai sensi dell’articolo 11, comma 14, della legge 3 maggio 1999, n. 124.

I vincitori del concorso, che non abbiano ancora conseguito l’abi­litazione all’insegnamento e abbiano partecipato alla procedura concorsuale con le 3 annualità di servizio, sottoscrivono un contratto annuale di sup­plenza con l’ufficio scolastico regionale a cui afferisce l’istituzione scolastica scelta e devono acquisire, in ogni caso, 30 CFU/CFA tra quelli che compon­gono il percorso universitario di formazione iniziale con oneri a carico dei partecipanti. Conseguita l’abilitazione, i docenti sono assunti a tempo indeterminato e sottoposti al periodo annuale di prova in servizio, il cui positivo superamento determina la definitiva immissione.

RICONOSCIMENTO DEI 24 CFU
Ai fini di cui dell’acquisizione dei 60 CFU, fermo restando il consegui­mento di almeno 10 CFU/CFA di tirocinio diretto, viene riconosciuta la validità dei 24 CFU/CFA già conseguiti quale requisito di accesso al con­corso secondo il previgente ordinamento.

ABILITATI\SPECIALIZZATI SU ALTRE CDC
Coloro che sono già in possesso di abilitazione su una classe di concorso o su altro grado di istruzione e coloro che sono in possesso della specializzazione sul sostegno possono conseguire, fermo restando il possesso del titolo di studio necessario con riferimento alla classe di concorso, l’abilita­zione in altre classi di concorso o gradi di istruzione attraverso l’acquisizione di 30 CFU/CFA del percorso universitario e accademico di formazione ini­ziale, di cui 20 CFU/CFA nell’ambito delle metodologie e tecnologie didatti­che applicate alle discipline di riferimento e gli altri 10 CFU/CFA di tirocinio diretto.

ACCESSO DIRETTO AL TFA SOSTEGNO
Fino al 31 dicembre 2024, ai percorsi di specializzazione per le attività di sostegno didattico agli alunni con disabilità accedono nei limiti della riserva di posti stabilita con decreto del Ministero dell’università e della ricerca, di concerto con il Ministero dell’istru­zione, coloro, ivi compresi i docenti assunti a tempo indeterminato nei ruoli dello Stato, che abbiano prestato almeno tre anni di servizio negli ultimi cin­que su posto di sostegno nelle scuole del sistema nazionale di istruzione, ivi compresi le scuole paritarie e i percorsi di istruzione e formazione professio­nale delle regioni, e che siano in possesso dell’abilitazione all’insegnamento e del titolo di studio valido per l’insegnamento.

I percorsi sono svolti con moda­lità di erogazione convenzionale, interamente in presenza, ovvero esclusiva­mente per attività diverse delle attività di tirocinio e laboratorio, con modalità telematiche in misura comunque non superiore al 20 per cento del totale.

REQUISITI DI ACCESSO ALLE CDC A-26 E A-28
Al fine di garantire la maggiore copertura delle classi di concor­so A-26 Matematica e A-28 Matematica e Scienze, con decreto del Ministro dell’istruzione, di concerto con il Ministro dell’università e della ricerca, da adottare entro il 31 luglio 2022, i requisiti di accesso a tali classi di concorso possono essere integrati.

ASSUNZIONE DALLE GPS I FASCIA PER POSTO DI SOSTEGNO
In caso di esaurimento delle graduatorie dei concorsi, al fine dell’immissione in ruolo dei docenti di sostegno e solo dopo le assunzioni ordinarie e la c.d. “call veloce”, le facoltà assunzionali annualmente autorizzate per la predetta tipologia di posto sono utilizzate per lo scorrimen­to delle graduatorie provinciali per le supplenze (GPS) costituite e aggiornate con cadenza biennale.

CONCORSO RISERVATO PER GLI INSEGNANTI DI RELIGIONE CATTOLICA
Accanto al concorso ordinario che sarà utilizzato per la copertura del 50% dei posti, il Ministero dell’Istruzione è autorizzato a bandire, una procedura straordinaria riservata agli insegnanti di religione cattolica che siano in possesso del titolo previsto dai punti 4.2. e 4.3 del DPR 175/2012, dell’idoneità rilasciata dall’ordinario dio­cesano competente per territorio e che abbiano svolto almeno 36 mesi di ser­vizio nell’insegnamento della religione cattolica nelle scuole statali. Alla pre­sente procedura straordinaria è assegnato il 50% dei posti vacanti e disponi­bili per il triennio 2022/2023-2024/2025 e per gli anni successivi sino a totale esaurimento di ciascuna graduatoria di merito.

INSERIMENTO IDONEI NELLE GRADUATORIE DI MERITO CONCORSO ORDINARIO SECONDARIA

Le graduatorie dei concorsi ordinari (anche per la scuola secondaria), sono integrate, nel limite delle autorizzazioni di spesa previste a legislazione vigente e nel rispetto del regime autorizzatorio, con i candidati risultati idonei per avere raggiunto o superato il punteggio minimo previsto dal comma 15 del medesimo articolo 59 del decreto-legge n. 73 del 2021.

I nostri suggerimenti:

I 24 cfu vengono riconosciuti purche’ conseguiti entro il 31 ottobre 2022 per cui per quanti  ne fossero privi si suggerisce la loro acquisizione entro tale data

Le nostre osservazioni

il sistema così delineato prevede troppe prove che si ripetono inutilmente; un “percorso di guerra” inutile che renderà sempre più difficile la stabilizzazione dei precari :

  • prove di accesso e uscita dei percorsi abilitanti
  • prove concorsuali
  • test finale dell’anno di prova


  •                                                          _______________________________________________________
                                                                              Postato il 31 marzo 2022

LE FERIE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA

SCHEDA DI SINTESI

(CCNL Comparto Scuola del 29-07.2007, tutt’ora vigente)

Le ferie costituiscano un diritto irrinunciabile, costituzionalmente tutelato la cui determinazione del periodo di godimento è riconducibile principalmente alle previsioni contenute negli artt. 13 e 19 del

CCNL del 29.11.2007. Esse devono essere richieste dal personale docente e ATA al dirigente scolastico.

La finalità della fruizione del periodo di ferie è quella di consentire il recupero delle energie psicofisiche, la tutela della salute e lo sviluppo della personalità del lavoratore.

Numero di giorni di Ferie e di Festività spettanti

Artt.13, commi 1-6 e 19 comma 2 CCNL 29.11.2007

- Personale assunto a tempo indeterminato

Ha diritto:

▪ a 30 gg. di ferie per anno scolastico se ha un’anzianità di servizio non superiore ad anni 3;

▪ a 32 gg. per anno scolastico se ha un’anzianità di servizio superiore ad anni 3.

Per “anzianità di servizio” si intende servizio a qualunque titolo prestato. Nell’anno di assunzione o dicessazione dal servizio la durata delle ferie è determinata in proporzione dei dodicesimi di servizio prestato.

La frazione di mese superiore a quindici giorni è considerata a tutti gli effetti come mese intero.

- Personale assunto a tempo determinato

Le ferie del personale assunto a tempo determinato sono proporzionali al servizio prestato.

Per il personale ATA che presta servizio su 5 giorni (c.d. settimana corta) il sesto giorno è considerato lavorativo ai fini del calcolo delle ferie.

Per il solo personale in regime di part time verticale il calcolo dei giorni di ferie deve tenere conto del numero dei giorni lavorativi (non delle ore settimanali):

▪ Es. personale in part time verticale 3 giorni a settimana: 3 : 6 = x : 32 ovvero x = 16 gg. di ferie.

In sostituzione delle festività soppresse, al personale della scuola sono attribuite 4 giornate di riposo, da fruire nel corso dell’anno scolastico a cui si riferiscono. È considerato giorno festivo la ricorrenza del Santo

Patrono della località sede di servizio, purché ricadente in giorno lavorativo.

Tipologie di assenza che non riducono il periodo di ferie spettante

Art. 13 comma 14 CCNL 29.11.2007

Il periodo di ferie non è riducibile per assenze per malattia o per assenze parzialmente retribuite, anche

se tali assenze si siano protratte per l’intero anno scolastico (es. i periodi di malattia retribuiti anche al 90% o al 50% o i congedi parentali retribuiti al 30%).

Periodi in cui è possibile fruire delle ferie

Artt. 13, 15 e 54 CCNL 29.11.2007 - Legge n. 228/2012 e dichiarazione congiunta n. 1 CCNL 2016/18

Personale docente

Il personale docente di tutti i gradi di istruzione può richiedere di fruire delle ferie nei giorni di sospensione delle lezioni e delle attività didattiche definiti dai calendari scolastici regionali, ad esclusione di quelli

destinati agli scrutini, agli esami di Stato e alle attività valutative.

In sintesi:

▪ dal 1° settembre alla data fissata dal calendario regionale per l’inizio delle lezioni;

▪ durante il periodo di sospensione delle lezioni per la pausa natalizia e pasquale;

▪ durante una eventuale sospensione delle lezioni per l’organizzazione dei seggi elettorali e per i concorsi;

▪ dal giorno dopo il termine delle lezioni stabilito dal calendario scolastico regionale fino al 30 giugno

ad esclusione dei giorni destinati agli scrutini, agli esami o alle attività funzionali all’insegnamento;

▪ dal 1° luglio al 31 agosto (solo per i docenti assunti a tempo indeterminato o con contratto al 31/8).

Durante il normale periodo di svolgimento delle lezioni i docenti assunti a tempo indeterminato e determinato possono fruire di 6 gg. ferie (del totale spettante annualmente) che sono subordinati alla possibilità di sostituire il docente che se ne avvale con altro personale in servizio nella stessa sede e,

comunque, alla condizione che non vengano a determinarsi oneri aggiuntivi anche per l’eventuale corresponsione di compensi per ore eccedenti.

Per i soli docenti assunti a tempo indeterminato: i 6 giorni di ferie a disposizione durante le attività didattiche possono essere aggiunti, in alternativa, ai 3 giorni di permesso per motivi personali o familiari,

previsti dall’art. 15 comma 2 del CCNL del 29.11.2007, e fruiti alle stesse condizioni e con le stesse modalità.

Personale A.T.A.

Compatibilmente con le esigenze di servizio, il personale A.T.A. può fruire delle ferie durante tutto l’anno

scolastico anche frazionandole in più periodi.

La fruizione delle ferie dovrà comunque essere effettuata nel rispetto dei turni prestabiliti, assicurando al dipendente il godimento di almeno 15 giorni lavorativi continuativi di riposo nel periodo 1 luglio-31

agosto.

Inoltre, ai sensi dell’art. 54 del CCNL del 29.11.2007 e nel rispetto della contrattazione integrativa di istituto:

▪ Se il dipendente, per esigenze di servizio e previe disposizioni impartite, presta attività oltre l’orario ordinario giornaliero, può richiedere, in luogo della retribuzione, il recupero di tali ore anche in forma di corrispondenti ore e/o giorni di riposo compensativo, compatibilmente con le esigenze

organizzative dell’istituzione scolastica o educativa. Le giornate di riposo a tale titolo maturate potranno essere cumulate e usufruite nei periodi estivi o di sospensione delle attività didattiche, sempre con prioritario riguardo alla funzionalità e alla operatività dell’istituzione scolastica.

▪ Le predette giornate di riposo non possono essere cumulate oltre l’anno scolastico di riferimento, e devono essere usufruite entro e non oltre i tre mesi successivi all’anno scolastico nel quale si sono

maturate, sempre compatibilmente con le esigenze di funzionalità dell’istituzione scolastica. In mancanza di recupero delle predette ore, per motivate esigenze di servizio o comprovati impedimenti del dipendente, le stesse devono comunque essere retribuite.

▪ Anche per il personale ATA il periodo di fruizione delle ferie non può subire limitazioni di sorta.

Eventuali modifiche del Piano delle Attività devono prevedere la riconvocazione del personale ai sensi dell’art. 41 comma 3 del CCNL 2016/18 e la successiva informazione alla RSU di scuola e alle

Organizzazioni Sindacali provinciali.

Interruzione o sospensione delle ferie

Artt. 13 commi 12 e 13 CCNL 29.11.2007 e 47 comma 4 D.Lgs 151/01

- Il dipendente può interrompere il periodo di ferie:

▪ In caso di malattia che determini una prognosi di almeno 4 giorni;

▪ In caso di ricovero ospedaliero (anche di un solo giorno);

▪ se la malattia del proprio figlio (fino agli 8 anni idi età) dia luogo a ricovero ospedaliero.

- Il dirigente può interrompere o sospendere le ferie del dipendente

Solo per oggettivi e prevalenti motivi di servizio naturalmente da enunciare nel provvedimento di

interruzione o sospensione e correlati al rapporto di lavoro in atto.

In questi casi il dipendente ha diritto al rimborso delle spese documentate per il viaggio di rientro in sede e per quello di ritorno al luogo di svolgimento delle ferie medesime. Il dipendente ha, inoltre, diritto al

rimborso delle spese sostenute per il periodo di ferie non goduto.

Attribuzione delle ferie d’ufficio o limitazioni nel diritto di fruizione

Risulta illegittima l’imposizione delle ferie, così come un loro spostamento, con atto unilaterale del dirigente scolastico, specie se non si è proceduti ad un tentativo di concordare il periodo temporale di

fruizione con il dipendente, e, nel caso specifico del personale docente, se non si sono pianificati impegni collegiali nei periodi di sospensione delle lezioni o delle attività didattiche ovvero nei periodi in cui è possibile fruire delle ferie.

Su quest’ultimo punto è importante ricordare come il CCNL del 29.11.2007, all’art. 28, dispone che prima dell’inizio delle lezioni, il dirigente scolastico predispone, sulla base delle eventuali proposte degli

organi collegiali, il piano annuale delle attività e i conseguenti impegni del personale docente, che sono conferiti in forma scritta e che possono prevedere attività aggiuntive. Il piano, comprensivo degli impegni

di lavoro, è deliberato dal collegio dei docenti nel quadro della programmazione dell’azione didattico educativa e con la stessa procedura è modificato, nel corso dell’anno scolastico, per far fronte a nuove

esigenze.

Resta quindi inteso che qualunque circolare interna del dirigente scolastico non conforme al Contratto Nazionale di Lavoro, a quanto stabilito eventualmente nella contrattazione di istituto per il personale

A.T.A. o a quanto deliberato dal Collegio dei docenti in materia di impegni dei docenti nei periodi di sospensione delle lezioni o delle attività didattiche, che comporti una riduzione o uno spostamento

dell’arco temporale del periodo di ferie richiesta, sia priva di qualunque fondamento normativo e, pertanto, sia da ritenersi illegittima.

Ferie per chi è di ruolo e svolge un incarico a tempo determinato

(Artt. 36 e 59 del CCNL 2006-09)

(omissis)








___________________________
Postato il 13 febbraio 2022

GUIDA - OBBLIGO FORMAZIONE INCLUSIONE

(Legge di Bilancio 2021, comma 961)

La norma che ha introdotto l’obbligo della formazione sull’inclusione non impone che sia fatta fuori dal servizio, ma limita il suo svolgimento fuori dalle ore di insegnamento. Ma ricordo che il servizio del docente non è solo insegnamento, ma è anche un numero di 80ore funzionali, suddivise in 40 e altre 40, di attività collegiali e di programmazione.

Con la legge di bilancio 2021, al comma 961, si introduce la formazione obbligatoria del personale docente impegnato nelle classi con alunni con disabilità: “Tale formazione è finalizzata all’inclusione scolastica dell’alunno con disabilità e a garantire il principio di contitolarità nella presa in carico dell’alunno stesso. Con decreto del Ministro dell’istruzione, da adottare entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della legge, sono stabiliti le modalità attuative, prevedendo il divieto di esonero dall’insegnamento, i criteri di riparto, le condizioni per riservare la formazione al solo personale non in possesso del titolo di specializzazione sul sostegno, la determinazione delle unità formative comunque non inferiori a 25 ore di impegno complessivo, i criteri e le modalità di monitoraggio delle attività formative di cui al presente comma.”

CHI RIGUARDA?

Tutto il personale docente impegnato nelle classi con alunni con disabilità, sia precario (con contratto annuale) che di ruolo, ivi compresi i docenti neo assunti, per i quali però non è specificato se le 25 di formazione saranno incluse nelle 50 ore complessive previste per l’anno di prova.

L’art. 2 del D.M 188/2021 prevede “Inoltre, in ragione della precipua finalità della norma, ossia per favorire l'inclusione scolastica dell'alunno con disabilità e per garantire il principio di contitolarità dei predetti docenti nella presa in carico dell'alunno stesso, tale attività formativa è estesa ai docenti a tempo determinato, con contratto annuale, laddove impegnati nelle classi con alunni con disabilità, e quindi coinvolti a pieno titolo nella progettazione educativo-didattica e nelle attività collegiali. In tali casi l’attività formativa è svolta in costanza di rapporto di lavoro e non determina oneri aggiuntivi rispetto agli stanziamenti previsti.”

La formazione obbligatoria di 25 ore: a quali condizioni?

Contratto Istituto e inclusione

Il contratto integrativo di Istituto può, nel rispetto delle leggi vigenti e dei contratti attualmente in vigore, introdurre la garanzia dello svolgimento delle 25 ore di formazione obbligatoria all’interno delle 40 ore delle attività collegiali riservate alla programmazione, colloqui con le famiglie e ai collegi docenti. Nessuna legge impone lo svolgimento delle 25 fuori dalle ore di servizio, anzi, tale formazione dovrebbe essere svolta in servizio ma senza esonero dall’insegnamento.

Il corso previsto dal D.M 188/2021 è considerato un intervento di «formazione obbligatoria del personale docente impegnato nelle classi con alunni con disabilità e prevede un impegno complessivo di 25 ore.

La formazione dei docenti obbligatoria, permanente e strutturale, era già prevista dalla Legge 107/2015 al comma 124. Ma la norma prevede che tutti i progetti formativi rientrino nel “Piano annuale delle attività di aggiornamento e di formazione” dell’Istituto, dietro delibera del Collegio dei Docenti.

Cosa dice la legge in materia di formazione obbligatoria? Secondo una recente sentenza della Corte di Giustizia dell’Unione Europea, questa va sempre collocata in orario di servizio. E deve essere retribuita. La corte rimarca le nozioni di «orario di lavoro» e di «periodo di riposo», specificando che si escludono reciprocamente. Il tempo di formazione professionale di un lavoratore deve, dunque, essere qualificato o come «orario di lavoro» o come «periodo di riposo». In entrambi i casi deve essere retribuito, dunque prima che un docente possa decidere se iscriversi o meno al corso, le scuole devono chiarire in quale categoria intendano collocare tali prestazioni lavorative.

Lo stesso Ministro Bianchi nella Nota MI n. 27622 del 6.9.2021 aveva scritto:

“il personale docente, per l’a.s. 2021/2022, sarà invitato a frequentare un percorso di formazione su tematiche inclusive, per complessive 25 ore annuali“.

LE ATTIVITA’ LABORATORIALI

è bene sottolineare che “Per “attività laboratoriale/collegiale/progettuale”, si intendono momenti formativi che il docente interessato può svolgere in autonomia, partecipando a webinar, convegni, seminari proposti dal territorio scolastico viciniore ovvero dall’istituzione scolastica sede di servizio ovvero dalla scuola-polo per la formazione, Università, Istituti di ricerca o dall’Amministrazione da lui scelti, attinenti alle tematiche del corso e certificabili (sia su piattaforma e-learning che in presenza). Si intendono, inoltre, esperienze condotte anche con la presenza di un esperto ovvero in collaborazione con i docenti di sostegno individuati con funzioni di colleghi esperti con ruolo di “senior” per l’inclusione (funzioni strumentali, docenti di ruolo specializzati, docenti incardinati su posti di potenziamento…).

Rientrano in queste ore anche le attività svolte in orario di servizio, durante la

programmazione didattica nelle scuole primarie, o con l’accompagnamento di insegnanti di sostegno. Fino a 2 ore possono essere conteggiate per la formazione sui nuovi modelli di PEI, sempre da svolgere durante la programmazione e in collaborazione con i docenti di sostegno. Inoltre, sono valide le esperienze dirette (svolte a scuola, con certificazione delle attività da parte del Dirigente scolastico) e/o tirocinio con tutor presso CTS o Scuole-polo ovvero le esperienze dirette, a carattere laboratoriale con studi di caso, e/o tirocinio osservativo presso Centri specializzati (ad esempio Centri tiflodidattici o particolari enti/associazioni operanti nel settore della disabilità etc.).”

Conclusioni e chiarimenti

COSA PREVEDE IL MIUR

Secondo il MIUR la formazione sull’inclusione di 25 ore è obbligatoria per tutti i docenti e non deve essere retribuita.

COSA PREVEDE IL CCNL SCUOLA

- “…il personale sarà invitato…” e dunque l’invito non costituisce obbligo

- Il contratto prevede l’assolvimento di tale obbligo tramite 2 strade: o all’interno del

Piano annuale delle attività (in servizio) o mediante la remunerazione economica.

- la formazione non ha vincoli di ore (nota MIUR n. 25134 del 01/06/2017); il DS può sanzionare solo se la formazione è stata deliberata dal Collegio dei Docenti

- è da svolgere in orario di servizio in modo che non rappresenti un aggravio alla

funzione docente

- è libera, purché coerente con il PTOF

- i docenti possono anche formarsi in autonomia autocertificandosi le ore, richiedendo però che tale riconoscimento sia inserito nel PTOF

- tutti i docenti (in ruolo e non in ruolo) possono usufruire dei 5 giorni all’anno retribuiti, previsti per partecipare ai corsi con esonero totale dal servizio (comma 5, art 64 del

- CCNL 2006 /2009) senza presentare un piano sostitutivo, poiché tali permessi non

sono a discrezione della Dirigenza

- il CCNI 2016/18 (ultimo aggiornamento del Contratto) non ha apportato nessuna

modifica in merito alla formazione dei docenti.

- i docenti con titolo di specializzazione non sono tenuti a partecipare

- i docenti curricolari che all’interno delle proprie classi non hanno alunni con disabilità non sono tenuti a partecipare.

Cisal Scuola, a cura di Loredana Ferrantino


_______________________________________

Postato il 6 febbraio 2022
  Bici e mobilità dolce: nasce l'Ufficio Smart Mobility | Comune di Genova |  Sito Istituzionale

GUIDA – MOBILITA’ DOCENTI N2EO ASSUNTI IN RUOLO E GIA’ DI RUOLO

Docenti assunti nell’anno scolastico 2019/20

4. Ai sensi dell’art. 58, comma 2, lettera f), primo periodo, del decreto-legge n. 73 del25.5.2021, convertito con legge n. 106 del 23.7.2021, il personale docente di cui all’articolo13, comma 3, del D.lgs. n. 59 del 13 aprile 2017, immesso in ruolo antecedentemente all’anno scolastico 2020/21, è tenuto a rimanere presso l’istituzione scolastica di immissione

in ruolo, nel medesimo tipo di posto e classe di concorso, per almeno altri due anni dopo il percorso annuale di formazione iniziale e prova, salvo in caso di sovrannumero o esubero o di applicazione dell’articolo 33, commi 5 o 6, della Legge 5 febbraio 1992, n. 104, limitatamente a fatti sopravvenuti successivamente al termine di presentazione delle istanze per il relativo concorso.

Pertanto, il personale docente di cui all’articolo 13, comma 3, del D.lgs. n. 59 del 13 aprile 2017, immesso in ruolo antecedentemente all’anno scolastico 2020/21, ha già assolto l’obbligo di permanenza presso l’istituzione scolastica di immissione in ruolo sopra indicato.”

Pertanto, possono presentare domanda di trasferimento anche interprovinciale. Il nuovo vincolo sarà quello individuato dal Decreto Sostegni bis per chi ottiene una sede dopo trasferimento: altri tre anni.

Docenti assunti nell’anno scolastico 2020/21

6. Ai sensi dell’articolo 399, comma 3 del decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, come modificato dall’art. 58, comma 2, lettera f) del decreto-legge n. 73 del 25.5.2021, convertito con L. n. 106 del 23.7.2021, a decorrere dalle immissioni in ruolo disposte per l’anno scolastico 2020/2021, i docenti a qualunque titolo destinatari di nomina a tempo

indeterminato possono chiedere il trasferimento, il passaggio di cattedra o di ruolo, l’assegnazione provvisoria o l’utilizzazione in altra istituzione

scolastica, ovvero ricoprire incarichi di insegnamento a tempo determinato in altro ruolo o classe di concorso soltanto dopo tre anni scolastici di effettivo servizio nell’istituzione scolastica di titolarità, fatte salve le situazioni sopravvenute di esubero o soprannumero. La medesima disposizione non si applica al personale di cui all’articolo 33, commi 3 e 6, della Legge 5 febbraio 1992, n. 104, purché le condizioni ivi previste siano intervenute successivamente alla data di iscrizione ai rispettivi bandi

concorsuali ovvero all’inserimento periodico nelle graduatorie di cui all’articolo 401 del decreto

le islativo 16 aprile 1994, n. 297.

Ai fini della maturazione del triennio, in caso di esubero o sovrannumerarietà, gli anni svolti nella sede di nuova assegnazione sono conteggiati con quelli svolti nella precedente sede.

7. Considerata l’assenza di una disciplina in tema di acquisizione della titolarità su sede a seguito dell’entrata in vigore della legge 30 dicembre 2018, n. 145 e ritenuto opportuno definirne in sede pattizia le modalità di assegnazione, per il triennio 2022-23, 2023-24, 2024- 25, al personale docente immesso in ruolo è attribuita la titolarità su istituzione scolastica

mediante domanda volontaria di mobilità territoriale da presentarsi nel corso del primo anno di immissione ruolo.

Fermo restando le operazioni di mobilità effettuate per l’anno scolastico 2021/2022 e ai fini di acquisizione della titolarità, possono altresì presentare domanda di mobilità per l’anno scolastico 2022/2023 anche coloro che sono stati immessi in ruolo nell’anno scolastico 2020/2021.”

I docenti assunti nell’anno scolastico 2020/21 sono stati considerati su sede provvisoria e potranno presentare domanda di mobilità. Il prossimo anno scolastico, poi, saranno svincolati dal vincolo triennale, e avranno di nuovo la possibilità di presentare domanda qualora non saranno stati soddisfatti quest’anno.

Docenti assunti nell’anno scolastico 2021/22

Per il triennio 2022-23, 2023-24, 2024-25, al personale docente immesso in ruolo è attribuita la titolarità su istituzione scolastica mediante domanda volontaria di mobilità territoriale da presentarsi nel corso del primo anno di immissione ruolo. La titolarità è attribuita d’ufficio qualora il docente immesso in ruolo sia individuato come perdente posto e non abbia

presentato domanda volontaria, a prescindere che sia condizionata o meno, o non siano state assegnate le sedi richieste.

La presente disposizione si applica agli immessi in ruolo negli anni scolastici 2021-22, 2022-23, 2023- 24.”

I docenti assunti nell’anno scolastico 2021/22 potranno presentare domanda volontaria di trasferimento provinciale e/o interprovinciale. Ottenuta la sede scelta, anche per loro scatterà il nuovo vincolo triennale del Decreto Sostegni bis. Se non ottengono trasferimento

o non presentano domanda restano nella sede di immissione in ruolo e ancora per i prossimi due anni non potranno presentare domanda.”

Se il docente non presenta domanda di mobilità

Qualora il docente non presenti domanda di mobilità, la titolarità è attribuita, prima dei movimenti, sulla scuola assegnata all’atto dell’assunzione in ruolo con la medesima decorrenza. Analogamente, al docente che non ottenga alcuna sede tra quelle indicate nella

domanda di mobilità volontaria l’attribuzione della titolarità è disposta sulla sede ottenuta al momento dell’assunzione a tempo indeterminato con la medesima decorrenza.

I posti assegnati all’atto dell’immissione in ruolo ai docenti che non presentano domanda di mobilità o che non ottengono alcuna sede tra quelle indicate nella domanda, non sono disponibili per i movimenti.

MOBILITA’ 2022 DOCENTI E ATA GIA’ DI RUOLO

Docenti vincolati

Possiamo indicare due gruppi di docenti sono due: docenti della scuola Secondaria di I e II grado assunti dalle graduatorie di merito del concorso straordinario 2018, per i quali si applica l’articolo 13 comma 3 del D.lgs 59/2017, come modificato dalla Legge n. 145/2018 e poi il vincolo degli insegnanti immessi in ruolo nell’anno scolastico 2020/21, qualunque

sia la procedura utilizzata per il loro reclutamento e a prescindere dall’ordine o grado di istruzione di assunzione, come esplicitato nel comma 17-octies dell’art. 1 del D.L. n. 126/2019, coordinato con la Legge di conversione n. 159/2019.

Vincoli che il Decreto Legge n. 73/2021 (decreto sostegni-bis) ha modificato, riducendo

a cinque anni a tre anni. E per i quali i docenti interessati chiedono di poter ripristinare la

p ssibilità di chiedere assegnazione provvisoria, nonché eliminazione totale del vincolo e possibilità di poter richiedere trasferimento in base alle esigenze personali e professionali contingenti.

Vincolo DSGA

Il bando dell’ultimo concorso DSGA prevede che gli aventi titolo all’assunzione devono permanere nella sede di prima assegnazione di titolarità per un periodo non inferiore a quattro anni scolastici, oltre a quello dell’immissione in ruolo.

Vincolo per i docenti che otterranno trasferimento

Un nuovo vincolo è stato inserito dal Decreto Sostegni bis e riguarderà tutti i docenti che otterranno il trasferimento richiesto.

Così leggiamo nell’articolo 58, comma 2 – lettera f (secondo periodo), del predetto DL:

[…] Al fine di tutelare l’interesse degli studenti alla continuità didattica, i docenti possono presentare istanza volontaria di mobilità non prima di tre anni dalla precedente, qualora in tale occasione abbiano ottenuto la titolarità in una qualunque sede della provincia chiesta.

Le disposizioni di cui al precedente periodo si applicano a decorrere dalle operazioni di mobilità relative all’anno scolastico 2022/2023.

Alla luce della nuova disposizione normativa, il vincolo di permanenza nella scuola in cui si è traferiti:

• è di tre anni scolastici;

• si applica a tutti i docenti trasferiti, a prescindere dalla preferenza in relazione alla quale si è stati soddisfatti [quindi mentre prima operava per le sole preferenze analitiche (scuole) e nel comune di titolarità, adesso anche per quelle sintetiche (comuni e distretti)];

• non si applica ai docenti soprannumerari che non presentano domanda volontaria ma condizionata (infatti nel testo di parla solo di mobilità volontaria; questo aspetto comunque andrà chiarito nel prossimo CCNI sulla mobilità).

Evidenziamo che, stando al tenore letterale del testo, il vincolo di permanenza si applica anche ai beneficiari delle precedenze di cui all’articolo 13, comma 1, del CCNL 2019/22

(emodializzati e non vedenti, personale con disabilità, personale che assiste soggetti con disabilità …).

Considerate le necessità del predetto personale, molto probabilmente in fase di stesura del CCNI i sindacati chiederanno un apposito intervento.

Decorrenza

La nuova disciplina si applica a decorrere dalle operazioni di mobilità a.s 2022/23. Ciò vuol dire che i docenti trasferiti per il 2022/23, saranno soggetti al succitato vincolo e quindi l’applicazione parte con le prossime domande di mobilità. E, secondo le notizie a nostra

disposizione, è stato recepito nel testo messo a punto dal Ministero.

Assegnazioni e utilizzazioni provvisorie

N.B. Il vincolo triennale su scuola ottenuta con il trasferimento dal 2022/23 riguarda la sola mobilità, ossia i trasferimenti e i passaggi di ruolo/cattedra, ma non le assegnazioni provvisorie e le utilizzazioni che non vengono citate nel testo del DL.

N.B. Naturalmente tutto il discorso relativo ai vincoli previsti dalla normativa è agli esordi, bisognerà attendere gli esiti della contrattazione al Ministero.

Quando sarà possibile presentare domanda

Probabilmente a febbraio – marzo. Questo assicurerà di poter avere gli esiti a inizi giugno, di poter approntare in tempo le domande di utilizzazione e assegnazione provvisoria e avviare il nuovo anno scolastico.

Contributo esplicativo a cura della prof.ssa Loredana Ferra








______________________________________________________________________

Postato il 30 ottobre 2021

GUIDA – PERMESSI RETRIBUITI DIRITTO ALLO STUDIO (150 ORE)
Borse di studio studenti Umbria, proroga domande all'11 marzo - Orizzonte  Scuola Notizie

COSA SONO?
Dal 1° Gennaio al 31 dicembre di ogni anno è possibile usufruire dei permessi per diritto allo studio assegnati dall’Ufficio Scolastico. Alcune graduatorie sono già state pubblicate, analizziamo quali sono i meccanismi per la fruizione.
Decorrenza dei permessi: dal 1° gennaio al 31 dicembre
Ottenuto il permesso, cosa deve fare il docente o ATA?
E’ dovere del docente e ATA comunicare al Dirigente Scolastico della sede di servizio il piano annuale (anche plurisettimanale) di fruizione dei permessi in funzione del calendario degli impegni previsti, fatta salva successiva motivata comunicazione per variazioni del medesimo, specificando la durata degli impegni di frequenza, eventualmente comprensiva del tempo necessario per il raggiungimento della sede.
Il personale in servizio in più scuole avrà cura di presentare lo stesso piano ai Dirigenti Scolastici delle due (o 3) sedi.
Il personale beneficiario dei permessi ha infatti diritto, salvo inderogabili e motivate esigenze di servizio, a turni o articolazioni diverse dell’orario di lavoro che agevolino la frequenza dei corsi o la preparazione agli esami; inoltre esso non è obbligato a prestazioni di lavoro straordinario durante i giorni festivi e di riposo settimanale.
La presentazione del piano annuale di fruizione dei permessi, seppure non obbligatoria e spesso non richiesta, è auspicabile (laddove possibile) per una migliore organizzazione della didattica.
In ogni caso, anche se ha presentato il piano annuale, tutte le volte che il docente ha bisogno di usufruire di un permesso, deve presentare al Dirigente Scolastico apposita domanda. Il permesso è attribuito e non concesso (cioè non può essere negato).
Come utilizzare i permessi?
La fruizione dei permessi può essere così articolata:
• permessi orari, utilizzando parte dell’orario giornaliero di servizio permessi giornalieri, utilizzando l’intero orario giornaliero di servizio cumulo di permessi giornalieri
E’ possibile usufruire dei permessi per corsi da svolgersi in modalità on line?
La Funzione Pubblica è intervenuta recentemente sulla questione, chiarendo che il permesso può essere concesso per la fruizione di un corso on line solo a condizione che sia possibile
• presentare la documentazione relativa all’iscrizione e agli esami sostenuti
• l’attestazione della partecipazione alle lezioni, certificando l’avvenuto collegamento alle università telematiche durante l’orario di lavoro.
E’ possibile usufruire dei permessi per attività di studio preparatorie agli esami?
Finora molti contratti regionali hanno previsto questa possibilità. La circolare n. 12/11 della Funzione Pubblica invece lo esclude, affermando: “Giova inoltre rammentare che in base alle clausole negoziali, le ore di permesso possono essere utilizzate per la partecipazione alle attività didattiche o per sostenere gli esami che si svolgano durante l’orario di lavoro, mentre non spettano per l’attività di studio. Questo orientamento applicativo, oltre che dal tenore delle clausole, è confermato dall’orientamento della giurisprudenza di legittimità (Cass. Sez. Lav. N. 10344/2008) e dell’ARAN” . A tale sentenza si è adeguata la regione Campania (vedi nota di integrazione al contratto), ma non altre regioni.
E’ quindi da vedere in quale misura i contratti regionali recepiscono questa indicazione.
Il docente che usufruisce del permesso studio può essere sostituito tramite supplenza?
Il Dirigente scolastico individua prioritariamente idonee misure organizzative al fine di sopperire alla temporanea assenza del personale ammesso al beneficio (cambio turni, riassetto dell’orario, ecc.), quindi procede alla sostituzione del personale assente utilizzando il personale eventualmente a disposizione a qualsiasi titolo e, in mancanza, attraverso la stipula di contratto di lavoro a tempo determinato per il periodo strettamente necessario, secondo le disposizioni vigenti in proposito. Per quali corsi possono essere richiesti i permessi? ▪ Frequenza di corsi finalizzati al conseguimento del titolo di studio proprio della qualifica di appartenenza ▪ Frequenza di corsi finalizzati al conseguimento di titoli di qualificazione professionale (compresi i corsi di abilitazione e di specializzazione per l’insegnamento su posti di sostegno, corsi di riconversione professionale e quelli comunque riconosciuti nell’ambito dell’ordinamento pubblico) ▪ Frequenza di corsi finalizzati al conseguimento di un diploma di laurea (o titolo equipollente) o di istruzione secondaria ▪ Frequenza di corsi finalizzati al conseguimento di un titolo di studio post-universitario In base dell’art. 14 del D.P.R. n. 275/99, rientra nella competenza esclusiva dei Dirigenti Scolastici la verifica dei presupposti circa la sussistenza del diritto per i singoli richiedenti e di conseguenza la concessione dei permessi o il diniego.
I permessi per diritto allo studio valgono per il computo dei giorni ai fini dell’anno di prova?
No, se vengono fruiti a giorni interi. Non incidono invece sul computo se vengono fruiti ad ore.
Qualora i beneficiari dei permessi concludano i corsi senza utilizzare l’intero ammontare delle ore, le ore residuate possono essere impiegate per altra tipologia di corsi?
In linea generale no, a meno che non ci sia una specifica autorizzazione in tal senso da parte dell’Ufficio Scolastico
Si può usufruire anche di altri permessi?
Sì, il personale beneficiario dei permessi per il diritto allo studio mantiene la facoltà di usufruire anche dei permessi previsti dalle altre disposizioni normative e contrattuali. In particolare il CCNL 2006 2009 art.15
“Il dipendente della scuola con contratto di lavoro a tempo indeterminato, ha diritto, sulla base di idonea documentazione anche autocertificata, a permessi retribuiti per i seguenti casi:
– partecipazione a concorsi od esami: gg. 8 complessivi per anno scolastico, ivi compresi quelli eventualmente richiesti per il viaggio”
Questi ultimi permessi sono fruibili anche dai docenti a tempo determinato, ma interrompono l’anzianità di servizio (perchè non sono retribuiti).
Vi è anche l’aspettativa senza assegni per motivi di studio, disciplinata dall’art. 18, comma 2, del CCNL2006 2009
La giustificazione dei permessi fruiti
Tutti i permessi di cui si fruisce vanno certificati. La certificazione relativa alla frequenza dei corsi e al sostenimento dell’esame va presentata al dirigente scolastico della scuola di servizio subito dopo la fruizione del permesso e comunque non oltre l’anno solare; per il personale a tempo determinato, non oltre la scadenza del contratto di assunzione. Se il permesso non viene giustificato con idonea certificazione, esso verrà trasformato in aspettativa senza assegno, con relativo recupero delle somme indebitamente corrisposte, fatta eccezione per i soli casi di legittimo impedimento e di causa di forza maggiore. Solo nei casi in cui il contratto regionale preveda che i permessi sono fruibili anche per la preparazione degli esami, per l’effettuazione di ricerche, e per gli eventuali viaggi non deve esser presentata alcuna documentazione essendo implicita nella certificazione relativa al sostenimento degli esami e della frequenza, o comunque autocertificabile.
Come vanno suddivise le ore di permesso per i docenti con contratto a tempo determinato fino al 30 giugno?
Alla stipula di un nuovo contratto, deve essere verificato il monte ore residuo (anche se il docente si troverà in provincia diversa da quella in cui è stato concesso il permesso) ed esso può essere fruito in relazione alla durata del nuovo contratto, non oltre dicembre 2012.
I contratti regionali
Va comunque tenuto presente che la contrattazione regionale può stabilire norme leggermente diverse, per cui è bene consultarli per avere una visione più ampia della problematica.
SEGRETERIA PROVINCIALE CISAL SCUOLA TARANTO

___________________________________________

postato 09 settembre 2021

 

in breve

RINUNCIA E/O ASSENZE CONVOCAZIONI GPS/GAE: LE SANZIONI

( cfr. O.M. n. 60/2020, art. 14, in particolare)